Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “TENER DURO” di N.J. Lysk – 25 Marzo 2021

 
 
TITOLO: Tener duro
AUTORE:  N.J. Lysk
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Paranormal 
EBOOK: Si 
DATA USCITA: 25 Marzo 2021
PREZZO: € 3,99 su Amazon
PAGINE: 49
 
 
 
 

TRAMA: Quando un giovane uomo viene catturato durante la battaglia, deve pagare il pegno della sconfitta concedendosi sessualmente al lord nemico che lo ha catturato. Ma l’atto potrebbe attivare involontariamente un processo ormonale che lo renderà donna in modo irreversibile.

La vita è ingiusta. E la guerra lo è ancora di più. Quando viene catturato dal nemico, Seeran sa che deve pagarne il prezzo: la sconfitta. Ma più cose continuano a sottrargli, meno alternative gli rimangono affinché eviti di perdere se stesso.

Allert: Storia M/M, M/M/M che include trasformazione di genere, femminilizzazione forzata, dominazione, corpi con parti extra, gravidanza maschile e molto di più.

Ricordo molto bene il trauma che ho subito la prima volta che mi sono approcciata a questa serie, non ero minimamente pronta psicologicamente e le conseguenze si sono fatte sentire. Essendo però un essere umano ho imparato dai miei errori e questa volta ero concentrata, focalizzata sul mio obiettivo… e che obiettivo!

Tener duro (Nel buio più profondo), è un titolo che nella sua traduzione italiana rende perfettamente il concetto di oscurità e disperazione, di lotta per la propria sopravvivenza, nel buio più profondo appunto. Non è una serie per tutti, non è una passeggiata nel magico mondo delle favole, non è una storia d’amore, è un lento e inesorabile viaggio verso la più cupa disperazione e il cammino che Seeran compie in questo libro è quanto di più disturbante e traumatizzante potremmo immaginare.

Seeran è un uomo che ha una sola colpa, quella di essere un soldato e ritrovarsi dalla parte sbagliata in una guerra che non fa sconti a nessuno, che non guarda in faccia nessuno perché in quel mondo esistono solo due fazioni: I vincitori e i vinti. Un uomo spezzato per sempre e che mai più potrà ritrovare una speranza, ed è proprio questo dettaglio quello più sconvolgente e degno dei migliori incubi Kinghiani.

Gli esseri umani nel corso della loro vita vengono costantemente sottoposti a sfide e situazioni che spesso possono essere definite disumane, eppure c’è una costante, un piccolo barlume di luce che spinge a difendersi, a sfidare i nostri limiti. Quella fiamma è la speranza.  Ognuno di noi combatte per mantenerla viva e cosa c’è di più spaventoso del non averla più? Tener duro è proprio questo, è un salto nel buio, nel vuoto, dove nessuno può aiutarci, dove nessuno si ricorda chi siamo o si preoccupa di tenderci la mano, dove il dolore è il nostro unico compagno di sventura.

La storia di Seeran è una tragedia, un orrore che si spinge a livelli inconcepibili, una storia di tortura e violenza, dove il sesso non è altro che un mero strumento per una distruzione lenta e inesorabile. Questo libro è terrificante, è disturbante, ti fa soffrire. Molti oserebbero dire che l’autrice è sadica e perversa ma continuo a credere che sia proprio questo il suo intento. Non vuole scrivere una storiella erotica di stupri e violenze, non vuole intrattenere qualcuno, vuole bensì prendere il suo lettore tra le braccia e spingerlo nel baratro, portarlo a percorrere la strada della follia, ad assaporare quel lato perverso che ognuno di noi, anche il più innocente, ha. Quella perversione che compare quando morbosamente cerchiamo sul web informazioni sui casi di cronaca o facciamo la fila per assistere alle conseguenze di un incidente stradale.

La verità è che in questo momento non so cosa dirvi. Questo libro non deve essere letto aspettandosi di trovare un lato positivo, una luce in fondo al tunnel, una spiegazione logica e razionale, perché semplicemente non esiste. È un racconto scritto e strutturato molto bene e che difficilmente vorrete rileggere ma che in ogni caso farà parte di voi, ricorderete nel tempo e continuerà a ferirvi come una pugnalata.

Per ovvi motivi non mi sento di dare una vera e propria valutazione in questa recensione, racconti come questo vanno oltre qualsiasi punteggio. Ero pronta eppure ho sofferto, sono stata male, mi sono sentita morire dentro e ho provato disgusto per ogni momento, ogni secondo, ed è proprio questo che per me è stato straordinario! Se avete il coraggio e lo stomaco forte, fate un passo avanti ed entrate nella selva oscura, in caso contrario prendete una cioccolata calda e un altro libro. Non fate gli eroi e non aprite una porta se non siete in grado di sopportare il peso di quello che potreste trovare dall’altra parte.

Un commento su “RECENSIONE: “TENER DURO” di N.J. Lysk – 25 Marzo 2021

  1. N.J. Lysk
    21 maggio 2021

    Grazie per aver letto, ovviamente è stato difficile per te! Solo perché tu lo sappia, N.Y. Lysk è solo per storie oscure senza un finale felice.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 aprile 2021 da in Paranormal, Recensione, Romance con tag , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: