Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

RECENSIONE: “UN POSTO SICURO” – Serie Rainbow Place #2 – di Jay Northcote – 12 Settembre 2019

TITOLO: Un posto sicuro
TITOLO ORIGINALE: Safe place
AUTORE: Jay Northcote
SERIE: Rainbow Place #2
TRADUZIONE: Sara Linda Benatti per Quixote Translations
CASA EDITRICE: Self Publishing
GENERE: Contemporaneo
EBOOK: Si
PAGINE: 198
DATA USCITA: 12 Settembre 2019
LIVELLO DI SENSUALITA’: Basso

TRAMA: Dove vai quando casa tua non è più un posto sicuro?

Alex sta per compiere diciotto anni, e non si è ancora dichiarato. Ha continuato ad aspettare il momento giusto, in attesa di fuggire all’università e uscire finalmente allo scoperto, lontano dall’influenza dell’oppressivo padre omofobo. Quando fallisce agli esami si ritrova bloccato nella piccola città di Porthladock; peggio ancora, a lavorare per suo padre. L’unica cosa che rende sopportabile la situazione è Cam.

Cam è a suo agio con la propria bisessualità, ma non la sbandiera. Giovane, libero e single, la sua vita sociale gira attorno al rugby e al tempo passato con gli amici. È attratto da Alex, ma i loro sei anni di differenza lo rendono cauto. Inoltre pensa che Alex abbia bisogno di un amico più di quanto non abbia bisogno di un innamorato, e man mano che la loro amicizia cresce, decide che non è il caso di metterla a rischio per del sesso occasionale.

Quando il padre scopre il suo orientamento, Alex si ritrova all’improvviso senza lavoro e senza casa. Trova un impiego al Rainbow Place, la caffetteria LGBT-friendly locale, e Cam gli permette di stare nel suo appartamento per un po’. Ma Alex preferirebbe dormire nel letto di Cam piuttosto che sul divano. Vivendo sotto lo stesso tetto, i loro sentimenti reciproci si fanno più forti e la tensione sessuale diventa difficile da ignorare. Cedere finirà forse con il rovinare la loro amicizia e complicare ancora di più le cose, per Alex?

Anche se questo libro è parte di una serie, ha un soddisfacente lieto fine e può essere letto come indipendente.

 

Avevamo intravisto Alex e Cam nel libro precedente, quando si sono offerti volontari per aiutare a rimettere in sesto il locale di Seb dopo l’atto di vandalismo ai suoi danni, e già si intuiva il reciproco interesse e simpatia.

Alex è concentrato sul passare gli esami per poter andare all’università e potersi finalmente togliere dall’influenza del padre omofobo, ma quando arrivano i risultati purtroppo sfuma qualsiasi possibilità di uscire di casa e poter vivere la propria vita, almeno fino a quando il padre per uno sfortunato caso non scopre il suo orientamento, con conseguenze per lui molto drastiche.

Cam ha sei anni più di Alex, è molto attratto da lui ma una volta scoperto chi è suo padre pensa che il ragazzo al momento abbia molto più bisogno di un amico che di un fidanzato, sente infatti che ci sono troppe cose che deve gestire oltre alla scuola e aggiungere una relazione nascosta non gli sembra la cosa giusta da fare; sente crescere la loro amicizia e non vuole metterla a rischio per del sesso senza significato.

Le cose si complicano quando Cam offre ad Alex un posto per dormire mentre lavora al Rainbow Place, il locale gay-friendly di Seb, perché da quel momento l’attrazione tra di loro si fa più pressante, così come anche l’amicizia.

Rispetto al libro precedente i protagonisti sono più giovani e la storia è molto più lineare e leggera, anche la scoperta dell’orientamento di Alex da parte del padre non è molto drammatica, tutto si incastra senza eccessivi drammi rendendo sì la storia scorrevole ma allo stesso tempo, almeno a mio parere, poco coinvolgente.

Ho avuto la sensazione che mancasse un po’ di passione tra i protagonisti, tratto distintivo dello stile dell’autore, ma forse questa serie è improntata a uno stile più romantico e meno sensuale, godibilissimo e ben scritto sia chiaro, ma un po’ diverso dal solito.

Ad ogni modo ci sono tutti gli ingredienti per una storia carina e positiva, Alex per la sua giovane età ha un carattere forte e deciso, pronto a tirarsi su le maniche quando rimane senza casa e senza lavoro. Bello anche il modo con cui la madre di Alex vuole riprendere il rapporto con il figlio… dovrebbe infatti essere scontato amare il proprio figlio così com’è, non importa chi ami o cosa voglia fare nella vita, ma molto spesso non succede e leggere invece di genitori che amano e appoggiano i propri figli incondizionatamente mi apre sempre il cuore.

Una storia romantica e senza grossi drammi, all’insegna dell’amicizia e del supporto reciproco, con una cerchia di amici affettuosi e pronti ad aiutarsi a vicenda, un posto sicuro in cui amare ed essere se stessi. Consigliato agli animi romantici e a chi adora le storie di sincera amicizia.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 settembre 2019 da in Contemporaneo, Recensione, Romance con tag , , , , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: