Tre libri sopra il cielo

Blog dedicato alla letteratura M/M e Lgbt in tutte le sue sfaccettature

ARTE E MUSICA… IL VESTITO ROSA DEL MIO AMICO PIERO

ARTE E MUSICA

 

Buongiorno amici e amiche di Tre Libri Sopra il Cielo, questa settimana per la rubrica “Arte e Musica” parliamo proprio di quest’ultima e dell’album “Il vestito rosa del mio amico Piero” del cantante Gian Pieretti, pubblicato nel 1973. L’album è considerato il primo Lp, successivamente ristampato in CD, apparso in Italia a essere interamente dedicato alla tematica omosessuale.

 

“Il vestito rosa del mio amico Piero” è un disco interamente dedicato alla vicenda di un ragazzo omosessuale, Piero, ed è reperibile in CD solo in Giappone. E’ uno dei due album nella storia della canzone italiana ad affrontare questa tematica, l’altro è “Come barchette in un tram” di Alfredo Cohen, pubblicato alcuni anni dopo, e a causa dell’argomento trattato il disco non venne promosso e pubblicizzato e Pieretti non venne chiamato in nessuna trasmissione televisiva.

“Il vestito rosa del mio amico Piero” è un disco di denuncia e, nel denunciare l’infelicità della condizione omosessuale, il cantante finisce per cadere nel pietismo, dando così l’impressione che la vita dell’omosessuale sia votata all’infelicità. Il disco non percepisce la novità data dal movimento di liberazione omosessuale in Italia, fondato nel 1971, e quindi non riesce a parlare delle possibilità di felicità nella vita delle persone gay. Nel disco viene raccontata la vita autentica di un ragazzo omosessuale di provincia, divorato dal senso di colpa, in piena crisi depressiva e sempre sull’orlo dell’esaurimento nervoso; racconta di una condizione di vita all’epoca generalizzata e priva di alternative.

Le musiche del disco sono tutte firmate da Ricky Gianco e Tino Nicorelli, mentre le canzoni sono edite dalle Edizioni musicali Pegaso e seguono una logica consequenziale.

 

00 – “Colloquio”: è la prima traccia presente nel disco e in poche battute esprime la preoccupazione dei familiari per il carattere chiuso e introverso del ragazzo Piero.

01 – “Meccanica di un’emozione nuova”: è una traccia suddivisa in quattro canzoni e un intermezzo:

  • “La famiglia” parla brevemente del rapporto che il ragazzo ha con la propria famiglia. “Voci / in casa mia / anche stasera / stanno parlando / solo di me. Io, / non sentirò / e nella mia stanza / mi chiuderò. / Mamma, / scusami tanto / se tra i tuoi figli / io sono il solo / da giustificare, / ma / che posso fare / se nel mio corpo / forza non c’è?”.
  • “Riflessione” è un brevissimo “siparietto” fra un brano e l’altro. “Com’è che in questa casa / non telefona nessuno / nemmeno una ragazza / che chieda del mio uomo?”.
  • “L’amore” si rivolge ad una donna che ha creduto che Piero l’amasse ma non ha capito che l’affetto che costui le aveva dimostrato era solo “una carezza di un ragazzo in un momento di tristezza. / Tu non hai colpa / tu eri bella / eri la verità / io ti ho amata da sorella / e tu, non hai capito. / Il profumo sopra la tua pelle / è un profumo uguale al mio / non esiste amore tra sorelle / perché non vuole Dio”.
  • “Gli amici” affermano in coro che “Quello lì è una pecora nera / ci fa far qualche brutta figura / fa le cose un po’ contro natura, sarà meglio scordarsi di lui”. E il deprimente Piero constata che “Avevo degli amici tanto tempo fa / non hanno capito la mia triste realtà / non avevamo niente da condividere tra noi / i giochi e le ragazze non li ho amati mai. / Altri amici so che troverò / e nuovi giochi io dividerò”.
  • “Il lavoro” parla delle problematiche di Piero nel posto dove lavora fino a quando non ne potrà più e il ragazzo accennerà infine a un timidissimo gesto di ribellione. “E come tutti i giorni della settimana / quando chiameranno la segretaria / ci sarà qualcuno che mi guarderà e riderà. / Ma ieri io non ne potevo più / e quando il direttore si affacciò: / “La segretaria venga qui da me” / e sono andato io!”.

02 – “Come il volo di un’allodola”: “Camminare in questo mondo non è facile / se tu sei diverso gli altri non capiscono. / Io non so come farò a difendermi / se è importante dimostrare chi non sei”.

03 – “A est del sole e ovest della luna”: è una pausa poetica nella quale l’autore cerca di esprimere la sensazione che prova Piero attraverso un linguaggio a tratti metaforico e a tratti un po’ oscuro. “Sopporto in silenzio, io vivo per me / voglio essere quello che sono / a est del sole, a ovest della luna. / Corpo da uomo cosa farai? / voglia di fare male non hai. / Giostra nel tempo, gira però / tu stai soffrendo un po’”.

04 – “Il vestito rosa del mio amico Piero”: è il brano che dà il titolo al disco e in questo testo viene usata per la prima e unica volta la parola “felicità” all’interno dell’album. “Guardo il mio vestito rosa / e penso che più tardi / io lo metterò. /Fuori sta già venendo buio: / nell’ombra della sera / io mi nasconderò. / Sento che forse non è giusto / nascondersi per questo / ma la gente non saprà mai / com’è grande il dolore che mi dà. / Forse nel buio il suo colore / non si potrà vedere / e la gente non saprà mai / com’è grande la mia felicità”.

05 – “Troppo grande la fatica”: è una riflessione sul senso della vita compiuta da un ragazzo omosessuale in preda ad autentica disperazione. Qui viene espressa la difficoltà incontrata dal cantante nel trovare un tono che, da un lato non lo esponesse al linciaggio, e dall’altro non esagerasse con la simpatia verso la condizione della persona di cui parla. Viene fuori un quadro scoraggiante della condizione omosessuale, non solo per l’oppressione sociale ma anche perché priva di qualsiasi alternativa. In tutto il disco non appare mai la prospettiva di un amore ricambiato. “Io lavoro tutti i giorni in un grande magazzino / ho giocato con le bambole / fin da quando ero bambino. / Amo un uomo molto bello / ma non gliene importa niente / io lo copro di regali / ma lo faccio inutilmente. / Troppo grande è la fatica / come è stupida la vita”.

06 – “La fine”: qui l’autore, parlando con sottofondo musicale, ci tiene a farci sapere che “questo disco non è un’invenzione. Piero esiste: l’ho conosciuto a otto anni alle elementari, e l’ho rivisto dopo venti. Mi ha parlato di questo suo problema, e così, come me ne ha parlato, io ho scritto”.

 

VIDEO:

 

IL VESTITO ROSA DEL MIO AMICO PIERO

Guardo il mio vestito rosa
e penso che più tardi
io me lo metterò.

Fuori sta già venendo buio,
nell’ombra della sera
io mi nasconderò.

Sento che forse non è giusto
nascondersi per questo
ma la gente non saprà mai
com’è grande il dolore
che mi dà.

Guardo il mio vestito rosa
che l’aria della sera
leggero renderà.

Sento giocare dei bambini,
suonare dei violini
e mi prendo la città.

Forse nel buio il suo colore
non si potrà vedere
e la gente non saprà mai
com’è grande la mia felicità.

 

FONTIhttp://www.youtube.com

https://it.wikipedia.org/wiki/Gian_Pieretti

https://it.wikipedia.org/wiki/Il_vestito_rosa_del_mio_amico_Piero

http://www.wikipink.org/index.php/Il_vestito_rosa_del_mio_amico_Piero

http://lyrics.wikia.com/wiki/Gian_Pieretti:Il_Vestito_Rosa_Del_Mio_Amico_Piero

 

 

Tonyella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 aprile 2018 da in ARTE E MUSICA con tag , .

Seguiteci su Twitter

Follow Tre libri sopra il cielo on WordPress.com

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: